E’ il Centro San Nicola di Piticchio di Arcevia (An), specializzato nella riabilitazione dall’uso di alcool, droghe e sostanze psicoattive. Nato da un’idea di Vincenzo Aliotta, AD della Clinica Villa Silvia, che si occupa di disontissicazione, è la nuova frontiera del turismo sanitario.

Metti un territorio di straordinaria bellezza e di grande richiamo paesaggistico come le Marche. Metti il connubio delle più moderne metodologie di terapia riabilitativa applicate ad un’idea innnovativa ed ottieni il centro San Nicola di Piticchio di Arcevia (An). Un polo all’avanguardia in Italia e in Europa per la riabilitazione assistita, immerso nel cuore delle colline marchigiane, che assicura il pieno recupero non solo dell’equilibrio fisico ed emotivo del paziente, ma anche sociale.

Obiettivo: garantire un processo di cura completo dalle dipendenze da alcool, sostanze psicoattive e da prescrizione e dipendenze in genere, aprendo al tempo stesso una nuova frontiera nel campo del turismo sanitario.

Il rapido reinserimento nell’ambiente sociale e familiare, al massimo in otto settimane, un periodo di tempo relativamente breve se confrontato con altre strutture che invece comportano fino a due anni di terapia, l’integrazione – ed è qui l’approccio innovativo – dei due metodi più accreditati, uno in Europa, definito francese, caratterizzato da una visione bio-psico-sociale oltreoceano, e l’altro basato sullo studio dei 12 passi, chiamato modello Minnesota.

Quest’ultimo prevede come nucleo del programma di recupero individuale, che si sviluppa dal primo passo, in cui si ammette la propria dipendenza, fino all’ultimo portando la propria testimonianza ad un alcolista in fase attiva.
Infine, l’elevata professionalità dell’equipe multidisciplinare. Sono questi i fattori di eccellenza del centro San Nicola, che, nato da un’intuizione di Vincenzo Aliotta, legata alla sua esperienza trentennale nel settore, prosegue, secondo la logica del continuum terapeutico, le attività condotte nella clinica Villa Silvia, da lui diretta ormai da anni.
“Il San Nicola – spiega Vincenzo Aliotta, A.D. di Villa Silvia e fondatore di questo nuovo centro – punta sulla valenza medico-sociale di un percorso riabilitativo efficace e mirato.”

Dalla disintossicazione al reinserimento duraturo nella vita di tutti i giorni, passando per un recupero pieno e completo. Sono tre le fasi della terapia somministrata ai pazienti. La prima riguarda la disintossicazione assistita presso la clinica Villa Silvia, a Senigallia (An), poi la riabilitazione nel centro post cura San Nicola e infine un supporto a distanza durante il reinserimento dell’assistito nel suo contesto sociale e lavorativo.

Un sistema di cura reso particolarmente valido grazie agli interventi psicoterapeutici individuali oltre che di gruppo dove giocano un ruolo importante le attività ludico formative come la fotografia digitale, il teatro o la lavorazione della ceramica. Ma anche la pratica dello yoga o il contatto con la natura grazie alla cura dell’uliveto del centro. Infine gli interventi psicocorporei utilizzando approcci quali la bio energetica, ovvero la liberazione attraverso il corpo di complesse situazioni emotive e la mindfulness che consente la gestione ed il controllo delle proprie emozioni.

A supervisionare ogni aspetto del lavoro il massimo esperto del settore, il professor Fabrizio Schifano, alla guida di un’equipe specializzata, perfettamente bilingue. Il San Nicola apre così una nuova frontiera di business per l’intero territorio. Quella del turismo sanitario, in particolare verso l’Inghilterra, dove rivolgersi a strutture estere per consolidare il percorso terapeutico è prassi consolidata.

Piticchio di Arcevia (An), 26 marzo 2013

Ufficio Stampa: Segni e Suoni
Tel.: 071.2905005
Email: info@segniesuoni.it