Si delinea all’orizzonte una presenza inquietante……
L’uso concomitante di più sostanze psicoattive è una pratica comune fra i soggetti che soffrono di problemi di dipendenza. Lo scopo è di aumentare o modulare l’effetto delle singole sostanze: tipico è l’uso di uno stimolante e di un sedativo allo stesso tempo, per esempio anfetamina ed eroina. Su questa linea si è diffuso l’uso contemporaneo di bevande alcoliche e cocaina.

La caratteristica che distingue questa combinazione dalle altre e’ che quando cocaina ed alcol sono presenti nel corpo umano allo stesso tempo, non solo si sommano i loro effetti, ma si crea anche una nuova sostanza, il cocaetilene, che ha un suo profilo individuale di effetti stupefacenti, ma anche effetti collaterali potenzialmente estremamente pericolosi.

Quindi chi usa contemporaneamente bevande alcoliche e cocaina è come se prendesse, senza saperlo, anche una terza sostanza, il cocaetilene. Numerosi decessi in soggetti che hanno usato alcolici e cocaina contemporaneamente sono stati attributi agli effetti del cocaetilene e non alle due sostanze assunte originariamente.

L’uso contemporaneo di cocaina e alcolici risale almeno al 1863 quando un chimico Italiano, Mariani, creo’ una bevanda trattando vino con foglie di coca. Tra i clienti piu assidui si annoveravano la Regina Vittoria, l’inventore Edison, Papa Pio X e Papa Leone XIII.
Quest’ultimo premio’ il “Vin Mariani” con la medaglia d’oro del Vaticano. Quindi almeno un Santo, Papa Pio X, ha sperimentato senza saperlo gli effetti del cocaetilene!

Un farmacista americano di nome Pemberton, fiutando l’affare, cominciò a produrre in America una bevanda simile al Vin Mariani. Il cocaetilene era ora commercializzato…

Quando il proibizionismo vietò la vendita di alcolici il farmacista sviluppò una versione analcolica della bevanda: una infusione zuccherata di foglie di coca e foglie di cola.
Quella bevanda è stata la prima versione della Coca-Cola, che quindi conteneva originariamente cocaina. Solo più recentemente, quando l’uso di cocaina divenne illegale, gli effetti stimolanti della cocaina sono stati sostituiti da quelli della caffeina, che e’ ancora presente nella Coca-Cola ai giorni nostri.